StreamSoft Web Agency SEO
Applicazioni Web

SEO - 9 Punti per dominare il mercato

Seo


Perché fare SEO

SEO - Come ti può aiutare

SEO - Il processo

9 Tecniche SEO

SEO - Continua manutenzione e ottimizzazione

Creazione di contenuti

Creare di una rete di Link

Conclusione

Search Engine Optimization (SEO) sono un insieme di strategie con lo scopo di aumentare la qualità e la quantità di visitatori del tuo sito web o su altri canali di marketing online.

Avere una forte presenza di SEO significa essere trovati dalle persone giuste al momento giusto, senza dover pagare pubblicità online.

Per una azienda è quindi molto importante investire sulle attività di SEO che consentono di ottimizzare i propri canali di vendita online in modo da essere trovati per primi dagli utenti rispetto alle altre aziende concorrenti.

Perché fare SEO

L’utilizzo del cellulare per cercare prodotti e servizi è sempre più frequente. Infatti, l'88% degli utenti utilizza il proprio smartphone per effettuare tali ricerche.

Se si desidera competere con altre aziende locali, è necessario assicurarsi che il proprio sito web appaia tra i primi posti dei risultati di ricerca. Secondo Google, il 76% delle persone che cercano sul proprio smartphone un prodotto da acquistare nelle sue vicinanze fa subito una visita all’azienda ed il 28% di quelle visite si traduce effettivamente in un acquisto.

Poiché la maggior parte delle persone è intenzionata ad acquistare il prodotto che sta cercando proprio in quel momento è ovviamente fondamentale che il profilo aziendale o il sito web dell’azienda compaia in cima ai risultati di ricerca proposti al consumatore.

Ovviamente se i potenziali clienti non vedono la vostra azienda in cima all’elenco vedranno sicuramente quella del vostro concorrente.

E quindi ci si chiede come “catturare” nuovi clienti se non ti trovano quando ne hanno bisogno?

SEO - Come ti può aiutare

Ormai per fare un buon SEO non è più sufficiente seguire le linee guida di Google per ottimizzare il proprio sito web. Molte tecniche che si leggono nella guida di Google sono sì funzionanti ma sono solo una piccola parte del mondo SEO.

Per ricercare un’azienda locale, il consumatore finale molto spesso non ricerca su Google ma su Google Maps. In questo modo gli utenti non visitano nemmeno il sito web dell’azienda.

Google stesso sta modificando l’ordine con cui visualizzare i risultati di ricerca nella SERP dando la precedenza ai risultati come mappe, opinioni, domande e risposte... Poi segue la sezione dei siti che pagano e successivamente i non paganti.

Cerchiamo ora di capire come migliorare il posizionamento del proprio sito nella SERP considerando anche quelle ricerche che non comportano la visita del sito aziendale.

SEO - Il processo

Ecco il processo per ottenere un SEO di valore.

Prima di tutto dovete assicurarvi di avere il vostro sito web strutturato secondo le direttive basilari SEO.

Di seguito vi riassumo quali sono.

Tecniche SEO

Ecco 9 punti essenziali per iniziare a fare del buon SEO:

  1. Struttura del sito - E’ necessario avere una pagina per tutti i prodotti e servizi principali dell’azienda. Tali pagine devono essere piene di contenuti unici e coinvolgenti di modo che i vostri potenziali clienti li troveranno utili e interessanti.

Assicuratevi che ogni sezione del sito abbia almeno una pagina.

Google ama i contenuti unici e coinvolgenti, quindi è importante che il sito web sia pieno di contenuti di qualità.

  1. Meta e altri tag HTML – Assicurarsi che il sito web abbia il tag di titolo e descrizione ottimizzati. Utilizzate inoltre correttamente i tag Heading (H1, H2, ecc.). La home page dovrebbe avere un solo tag H1 e gli altri tag di intestazione dovrebbero essere ottimizzati in modo che Google sappia esattamente cosa stai offrendo.
  2. Velocità di carico del sito web – Il sito web deve essere caricato sia sul cellulare che sul desktop molto velocemente. Utilizzate lo strumento Google Page Speed Insights per capire se vi sono problemi tecnici di rallentamento del sito web.
  3. Ottimizzazione Mobile - Google calcola l’indice "mobile-first". Ciò significa che Google valuta l'aspetto del sito web sul cellulare. Se il tuo sito web non è ottimizzato per il Mobile, Google ti penalizza.
  4. Pagine sicure (HTTPS) - Tutte le pagine del sito devono essere caricate in modo sicuro utilizzando il protocollo https. Se il vostro sito web non ha un SSL installato e configurato, potrebbe essere penalizzato.
  5. Canonizzazione dominio – Decidete se caricare le pagine web anche con o senza www. Una volta scelto comunicatelo a Google.
  6. Link rotti - Il sito web non deve contenere link che non funzionano. Questo vale sia per i link e sia interni per i link esterni. E’ importante quindi fare un controllo sul sito per essere sicuri che tutti i link funzionino correttamente.
  7. Contenuto duplicato - Se il tuo sito web contiene lo stesso contenuto in più pagine, Google potrebbe pensare che stai cercando di far credere di avere nel sito web più contenuti di quanti ne abbia in realtà. E’ importante controllare se vi sono duplicazione dei contenuti che potrebbero danneggiare il ranking.
  8. Google My Business – E’ essenziale ottimizzare i profili Google My Business e Bing Places for Business. Avere un profilo aziendale adeguatamente ottimizzato su Google e Bing aiuta l’azienda a distinguersi rispetto le altre aziende.

SEO – Continua manutenzione e ottimizzazione

Una volta impostata la struttura del sito come descritto nel paragrafo precedente, è importante iniziare a creare continui contenuti di valore al fine di generare una rete di link interni ed esterni autorevoli.

Vediamo di seguito come creare contenuti di valore e generare una rete di link.

Creazione di contenuti

Come è noto Google ama i contenuti. Più ve ne sono e più il sito viene valorizzato.

Negli ultimi anni Google ha iniziato anche ad interpretare i contenuti e quindi vengono premiati ancora di più quei siti con tanti contenuti ma di qualità.

Questo perché gli utenti del web vanno sui motori di ricerca per avere delle informazioni. Ricercano la risposta ai loro quesiti e per questo preferiscono la qualità alla quantità. L’algoritmo di Google cerca di ragionare sempre di più come farebbe un “essere umano”.

Quindi, per ottimizzare ulteriormente il proprio sito web, è necessario sempre di più fornire “Grandi contenuti”. Grandi contenuti potrebbero includere articoli ricchi e approfonditi anche sotto forma di post su blog. Potrebbero trattarsi di video coinvolgenti o infografiche o di podcast.

Più spesso si aggiungono contenuti di alta qualità al sito web e più Google ti premierà posizionandoti sempre più in alto nella SERP.

Creare di una rete di Link

Se tutti i siti fosse con contenuti di alta qualità e ben strutturati dal punto di vista SEO soddisfando tutti i requisiti base come farebbe Google a scegliere comunque quale sito mettere in cima alla SERP?

“A parità di siti” come fa Google ad attribuire un sito una maggior rilevanza rispetto ad un altro?

Il fattore che fa la differenza sono i link ed in particolare i link esterni.

Un link esterno è semplicemente un URL che permette da un determinato sito web (non di tua proprietà o che non controlli) di arrivare rapidamente e facilmente al tuo sito web.

Più link esterni ottieni e naturalmente maggiore è la qualità di questi link (pensiamo ai giornali e ai grandi siti specifici del settore), più Google ti considererà degno di nota.

In altri termini parliamo di “reputazione” del sito web.

Per essere “notati” da Google è quindi importante avere contenuti di alta qualità citati da altrettanti link di alta qualità.

La costruzione di una rete di Link (nel modo corretto) è un lungo lavoro e faticoso. Alcuni link esterni sono facili da ottenere (vedi siti di directory, social media, ecc), mentre altri tipi di link possono essere quasi impossibili da farsi raggiungere (tipo guest blogging su un grande sito industriale, grandi siti di notizie, ecc).

Un’altra cosa da ricordare è che Google indicizza le pagine web e non i siti web.

Questo perché quando un utente cerca un particolare argomento nei motori di ricerca, di solito è alla ricerca di una singola pagina di informazioni su tale argomento. Per questo motivo Google cerca di catalogare ed organizzare al meglio le pagine web di modo da presentarle all’utente nel momento giusto in cui richiede quelle determinate informazioni con le particolari parole chiave (termini di ricerca).

Conclusione

Fare del SEO non è necessariamente una cosa facile da realizzare (correttamente).

L’efficacia della maggior parte delle campagne di SEO si vedo dopo almeno 6 mesi del suo inizio.


SOFTWARE HOUSE: CHI SIAMO

Streamsoft è un'azienda software di Verona. La nostra mission è quella di offrire soluzioni IT innovative con alti standard di qualità e professionalità dedicati alle PMI italiane trasformando le sfide globali in opportunità di crescita per entrambi.

 

Bot Spider Oracle Hardware SEO AdWords VLDB Consulenza Web Design Social VmWare


SERVIZI WEB

Consulenza

Servizi SEO

Servizi Social Media Marketing

Campagne AdWords

Campagne Facebook Ads



SEO: COMPETENZE

Virtualizzazione

Web Design

Web Crawler

Bot

VLDB